Migliorare la Postura

 

Per sentire il corpo e ritrovare la salute

Che fare per migliorare la postura?

 

Innanzitutto bisogna:

• Spezzare le abitudini
• Spezzare le vecchie posture con nuove posture più efficienti e funzionali
• Ristabilire l'azione sinergica fra i muscoli antagonisti flessori ed estensori
• Allineare la colonna
• Restituire al bacino la sua mobilità, alla colonna la sua sinuosità e al torace la sua flessibilità
• Riportare la testa sull'asse verticale
• Ridare allo scheletro la funzione di sostegno ed ai muscoli quella del movimento
• Migliorare l'immagine di se

Il Metodo Feldenkrais, attraverso una serie di movimenti semplici e inusuali, insegna a sviluppare le nostre potenzialità intellettive, risvegliando le parti addormentate. Il Metodo, oltre ad essere una conoscenza corporea, è un apprendimento che fa percepire il corpo facendogli ritrovare la sua vitalità, alleviando il dolore e restituendo la fiducia in se stessi. L'insegnante Feldenkrais ci porta, attraverso lezioni collettive e individuali ci può condurre, utilizzando un dialogo verbale e non, ad un'inedita consapevolezza della nostra corporeità e al piacere di vivere meglio nella propria pelle.

Come migliorare la postura?

Attraverso i temi:

• spalle libere dalle tensioni
• il corpo allineato
• respirare a pieni polmoni
• la forza viene dal bacino
• Rieducare gli occhi

Migliorare la postura nell'adolescente


L’organizzazione scheletrica di un adolescente con scoliosi si migliora facendogli prendere coscienza del suo corpo attraverso l’ascolto di sé, rivitalizzandone le parti e organizzandole in nuovi modelli funzionali. Grazie al Metodo Feldenkrais l’allievo impara a distribuire il peso sugli ischi e sente che la forza viene dal bacino, risveglia la respirazione addominale quasi sempre bloccata, impara a rendere sinuosa la colonna sbloccando le coste fluttuanti, lo sterno e le clavicole.
Quando impara ad usare al meglio se stesso e utilizza al massimo le sue potenzialità intellettive, elimina gli stati ansiosi diventando più dinamico e vitale.
Infine si sentirà più in armonia con se stesso, perché i movimenti, che precedentemente erano difficoltosi, meccanici e non coscienti diventeranno facili coinvolgendo il suo intero corpo.

Temi da sviluppare

  1. Rendere la colonna flessibile
  2. Imparare a inclinare la colonna
  3. Sentire che la forza viene dal bacino-bascula-orologio pelvico

postura

  1. Respirazione

postura

  1. Coordinare i muscoli flessori-estensori (si insegna nel Centro)
    Ripercorrere le tappe evolutive (si insegna nel Centro)
    Il cammino (si insegna nel Centro)


Attraverso questi movimenti di presa di coscienza (CAM) e con lezioni di Integrazioni Funzionali, l'adolescente percepirà tutto il suo corpo, diventerà più vivace, sensibile, agile e si sentirà più sicuro di sé perché l'intero corpo si sarà rivitalizzato.

Attraverso movimenti di consapevolezza, esplorerà la respirazione, sentirà il suo grado di libertà e come i movimenti volontari influiranno il respiro. Potrà sentire la partecipazione dello sterno, delle coste, del ventre (dilatazione), l'espansione e la comprensione (restringimento) della gabbia toracica nell'inspiro-espiro, apprendendo il concetto di volume e di tempo.

Se presterà attenzione alla lettura potrà percepire che l'inspiro avviene sulla punteggiatura e che si espira durante la lettura della frase. In questo modo comprenderà che “si respira tra le virgole”.

Nel ripercorrere le tappe evolutive, potrà sentire la capacità di riorganizzazione del corpo nel compiere nuovi movimenti. Potrà strisciare il corpo trascinato sul suolo dalle mani, imparerà a muoversi come il lombrico, il delfino, la lucertola o il coccodrillo (anfibi-rettili), potrà gattonare come l'orso e il cane, individuando che il primo ha un gattonamento omolaterale mentre l'altro ha un gattonamento controlaterale. Lo studente sentirà la differenza fra le due opzioni e ciò produrrà una riorganizzazione delle sue strutture cerebrali, appropriandosi di un cammino controlaterale che non aveva, che non gli ha permesso di arrivare fra i primi nella corsa, quando gareggiava con gli amici, pregiudicando le competizioni scolastiche e facendo sfumare i suoi sogni “di diventare un grande atleta” se ne aveva.

Attraverso le tappe evolutive potrà inoltre consolidare le conoscenze scientifiche sulla trasformazione degli arti durante l'evoluzione, potrà percepire che gli arti posti trasversalmente per la lucertola e il coccodrillo servono per sostenere il corpo e per lo spostamento, per le rane per saltare, per i mammiferi per camminare a quattro zampe mentre, per l'uomo. Scoprirà che gli arti superiori hanno una funzione prensile, gli inferiori si sono specializzati nel cammino “bipede”. In questo modo, potrà comprendere il difficile concetto scientifico di “evoluzione della specie” che ha vissuto attraverso l'esperienza personale e che ha favorito il cammino controlaterale, permettendo al suo passo di diventare agile e leggero, facendolo sentire felice. Tutto ciò è possibile perché il cervello è plastico e malleabile in grado di riformare le sue strutture apprendendo, in qualsiasi età e situazione, ma per riorganizzarsi il cervello deve essere stimolato.


Suggerimenti


L'adolescente dovrebbe cercare di assumere posizioni corrette sui banchi di scuola, a tavola, davanti al televisore, al computer. Nella posizione seduta dovrebbe distribuire il peso sugli ischi, in modo che la regione lombare non assuma la forma arrotondata e tenere i piedi distanti, posti comodamente, con talloni situati sotto le ginocchia. Nella posizione ideale, le ginocchia dovrebbero formare un angolo di 90° = angolo retto.

Dovrebbe spesso portare l'attenzione sul suo ventre per sentire che la forza viene dal bacino, pronunciare frequentemente “Ah! Ah! Ah!” per permettere al ventre di fuoriuscire ripetendolo più volte.

Quando si sollevano i pesi è bene piegare le ginocchia, pensare al coccige che va indietro, in modo da rendere facile l'inarcamento lombare e pronunciare lentamente “Oh! Oh! Isssaaa” come facevano i pescatori per tirare le reti. Vi siete chiesti “perché ?”.

Se avete bisogno di altri chiarimenti, scrivetemi. Cercherò di rispondere.

Tina Broccoli.