Il Metodo Feldenkrais®

Moshe Feldenkrais

Come funziona

Il Metodo Feldenkrais® è lo sviluppo di un apprendimento psicomotorio. Si basa sulla profonda integrazione di sensazioni, sentimenti, pensiero e movimento scelto come mezzo per migliorarsi. La struttura corporea dell'uomo è il risultato dì un lungo processo evolutivo che lo pone al vertice della scala zoologica.
Per adattarsi alla gravità il sistema nervoso, i muscoli e lo scheletro si sono reciprocamente influenzati e modificati per compiere azioni sempre più complesse e raffinate. Il bambino che diventa adulto riscrive nel suo corpo le tappe delle trasformazioni delle specie animali che l'hanno preceduto. Questa ricchezza genetica ereditata non è attualmente valorizzata.
Il ritmo sfrenato della vita moderna, lo stress e le incessanti richieste sociali sommergono l'individuo facendogli dimenticare se stesso. Quando il corpo assume e mantiene la postura ideale la persona è vivace, gioiosa e intelligente... stabile al suolo... e al centro del mondo.

L'Ideatore

Moshe Feldenkrais nasce in Russia nel 1904 e a 14 anni emigra in Israele, dove studia e lavora.
Nel 1928 si laurea in ingegneria meccanica ed elettrica alla Sorbona di Parigi. Collabora con Joliot Curie nella ricerca sulla fissione nucleare. Allievo di Jigoro Kano diventa cintura nera di Judo e fonda il primo club di Judo in Francia. A causa di un incidente a un ginocchio decide di occuparsi personalmente della propria rieducazione e giunge a elaborare un metodo pratico di lavoro che espone in modo organico nel libro "Body and Mature Behaviour" pubblicato nel 1949. Si dedica all'insegnamento e alla diffusione del suo metodo basato su geniali e innovative intuizioni della relazione tra corpo e mente. Sono stati suoi allievi David Ben Gurion, Margareth Mead Leonard Bernstein e Moshe Dayan. Muore in Israele nel 1984. I suoi proseliti continuano la diffusione e lo sviluppo del metodo.

Insegnamento

Il Metodo Feldenkrais® vuole portare all'uomo il benessere perduto, stimolando il sistema nervoso con movimenti inusuali per formare nuove comunicazioni cellulari o sinapsi che attraverso lo sviluppo delle potenzialità intellettive permettono di recuperare le funzioni perdute.

L'insegnamento avviene in due momenti:

Lezioni individuali o Integrazione Funzionale®: in cui le mani dell'insegnante guidano la persona in un dialogo non verbale conducendola alla consapevolezza. Le donano coscienza delle parti inconsapevoli, cronicamente rigide, male utilizzate e spesso doloranti, attraverso la sensazione, il rilassamento. Viene offerta all'individuo la possibilità di organizzarsi di volta in volta in nuovi schemi di movimento, di spezzare le vecchie posture e di sostituirle con nuove più efficienti e funzionali.

Durante la "Integrazione Funzionale®" (IF), l’insegnante utilizza una tecnica manuale non invasiva per rendere l’allievo consapevole della propria organizzazione funzionale e suggerire nuovi modi per renderla più efficiente. Il contatto manuale è rispettoso e gentile, mai orientato a forzare ma piuttosto a creare un'atmosfera adatta e disponibile all’apprendimento.

Questo tipo di lezione è generalmente eseguibile con lo studente normalmente disteso su un apposito lettino basso o volendo direttamente nel pavimento se le condizioni di confort (temperatura e morbidezza della superificie) lo consentano.

Lezioni collettive o Consapevolezza attraverso il movimento®:in cui la voce dell'insegnante guida la persona ad esplorare e a sentire il proprio corpo per risvegliarlo attraverso la percezione e l'ascolto di sé inducendola ad eseguire movimenti semplici, piacevoli e inabituali, da tempo dimenticati.

Durante le lezioni di "Consapevolezza Attraverso il Movimento®" (CAM), l’insegnante Feldenkrais conduce gli allievi con l’utilizzo della sola voce, proponendo sequenze di movimenti che evolvono gradualmente per complessità ed escursione, sempre rimanendo nell’ambito di un’attività confortevole e non faticosa.
In entrambi i casi agli allievi non è richiesto di spogliarsi, ma solo di vestire un abbigliamento comodo possibilmente privo di oggetti solidi che potrebbero disturbare interagendo con il corpo.

Applicazioni

II Metodo Feldenkrais® è stato applicato a persone di tutte le età e di professioni diverse:

• al neonato che aveva subito traumi al momento della nascita;
• all'adolescente con scoliosi e cifosi;
• alle persone sofferenti di mal di schiena, dolori cervicali e lombari;
• all'anziano che non riusciva ad alzarsi dalla sedia;
• al disabile con precarie sensibilità degli arti dopo anni d'immobilità;
• al portatore di handicap;
• all'obeso con problemi nella sfera sessuale;
• all'atleta con diminuite prestazioni competitive;
• agli artisti desiderosi di migliorare la loro performance;
• alle persone che desiderano raggiungere una conoscenza di sé più approfondita.

Sistema Nervoso

Per comprendere II Metodo Feldenkrais® non si può scinderlo dal sistema nervoso e dalle sue conoscenze elementari perché II Metodo Feldenkrais® oltre ad essere una conoscenza corporea è un apprendimento che fa percepire il corpo. Il sistema nervoso è ritenuto da molti studiosi sconosciuto e complesso, ma esplorabile, e permette all'organismo di ricevere e trasmettere stimoli dal mondo esterno coordinando le informazioni fra loro.
Dai sensi (vista, udito, tatto, gusto), dalla pelle, dai visceri, dall'ambiente esterno arrivano stimoli al cervello attraverso vie nervose; la più importante è la via SOMATO-SENSITIVA o CINESTESICA.

Via Cinestetica

Inizia dai recettori sensoriali della pelle e raggiunge la corteccia attraverso fasce connettivali. Le informazioni sensoriali provenienti dalla superficie del corpo raggiungono la corteccia sensitiva e generano una risposta relativa al controlla muscolare.

Questa via apprende sotto il nostro comando volontà se opportunamente stimolata si possono recuperare le funzioni perdute. Esistono interazioni fra attività infantili e sviluppo del cervello. La relazione rappresentata nel diagramma seguente, evidenziata da frecce di verso opposto, indica che l'una influisce sulle modificazioni dell'altra, in cui causa ed effetto si invertono continuamente di posto nell'anello retroattivo, proprio perché l'effetto torna ad agire a ritroso sulla causa che lo ha determinato.

Imparare a muovere il corpo e coordinarlo, costituisce un processo ordinato per un bambino che non ha subito traumi infantili, poichè è in grado di compiere uno sviluppo organico. Un bambino che invece ha subito traumi infantili con macro e micro lesioni cerebrali non è in grado di compiere uno sviluppo evolutivo ed ha una sequenzialità di movimenti limitata. Spesso appare pigro, triste, demotivato, impacciato nelle azioni e si sposta con difficoltà nello spazio. Prevalentemente utilizza gli arti che muove con maggior facilità dimenticandosi di quelli lesi. Ma quando sentirà il suo corpo e si percepirà quasi totalmente attraverso lezioni di Integrazione Funzionale che attenueranno la rigidità muscolare, restituendo ad articolazioni e scheletro la loro funzione, il suo corpo e il suo sguardo sprigioneranno gioia. Sarà allora che il bambino diventerà più attivo, motivato e porterà nella quotidianità movimenti che l'handicap gli impediva di compiere.

Compito degli insegnanti Feldenkrais® è quello di creare nuovi circuiti nervosi o sinapsi affinché il bimbo abbia l'opportunità di compiere nuove azioni e vivere meglio con se stesso, questo è il nostro compito, perché il nostro è un Metodo scientifico e non può fare miracoli.

Centro Scientifico del Movimento di Simone Broccoli

Via Castello 11
47030 - STRIGARA di SOGLIANO AL RUBICONE

Made with Mobirise web template